Articoli

Conosci la tecnica dell’HDR? a cosa serve?

La fotografia d’interni è quella che, più di qualunque altro genere, deve rappresentare la realtà, soprattutto quando quelle immagini promuovono una struttura ricettiva o servono a vendere una casa.

Quando si vede dal vero ciò che si è visto tramite immagine si deve ritrovare tutto.

Per questo motivo, per questo genere di fotografia, più che per altri ci si interroga se sia corretto o meno fare post-produzione e/o utilizzare la tecnica dell’HDR.

Sulla post produzione ho già parlato qui, sottolineando la differenza in realtà con lo sviluppo del file e quanto quest’ultimo sia importantissimo.

COS’È L’HDR?

Oggi vorrei parlare della tecnica dell’HDR (High Dynamic Range), se non lo sapessi è l’unione di più immagini con la stessa inquadratura, ma con esposizioni differenti.

Questo per ottenere un’unica immagine correttamente esposta.

Perché utilizzare questa tecnica?

Come ho spesso ripetuto, il sensore della macchina fotografica NON vede come vede l’occhio, nemmeno quello più sofisticato.

Questo comporta che quando si fotografa un interno c’è il rischio che si “brucino” le finestre per avere ben illuminato gli interni, oppure che sia tutto troppo buio!

Uno scatto unico rischia di far faticare in fase di sviluppo senza magari riuscire ad ottenere un risultato soddisfacente.

Usare la tecnica dell’HDR invece aiuta, ma senza snaturare in alcun modo la realtà dei fatti.

Come si procede?

LA TECNICA DELL’HDR IN PRATICA…

Prima di tutto si studia l’inquadratura migliore, affinché la composizione sia gradevole e funzionale per il nostro messaggio finale.

È categorico avere il cavalletto perché la macchina fotografica resti nella stessa posizione.

Da lì si prende espone correttamente gli esterni, o comunque il punto più luminoso.

Alzando i tempi di 2 stop si fa un altro scatto, e poi ancora un’altro sempre alzando di 2 stop.

Tre scatti è il minimo indispensabile, ma ovviamente se ne possono fare di più, anzi in caso di forte contrasto tra interni ed esterni questo è consigliabile!

Queste immagini, poi vanno unite insieme in un programma di fotografia, io uso Lightroom, che forse è tra i più conosciuti con Photoshop, ma ce ne sono senz’altro degli altri.

Il programma fa tutto da solo e ti restituisce un’immagine decisamente più simile a ciò che il tuo occhio ha visto.

Il file ottenuto ti da comunque ancora la possibilità di sistemare lo sviluppo per portare l’immagine ad essere davvero come la realtà.

Ci sono macchine fotografiche che fanno quest’operazione già in fase di scatto, ma controlla che il file che produce sia un raw o almeno un dng (ovvero un file grezzo, da sviluppare).

Questo perché, come spiego qui, scattando in raw avrai la possibilità di catturare molti più dettagli e sfumature.

ATTENZIONE!!

È una tecnica molto semplice, forse ci ho messo di più io a spiegarla che tu a farla, ma sicuramente è una tecnica che richiede tempo sia in fase di scatto che poi di sviluppo!

E, come per lo sviluppo, bisogna stare attenti a non esagerare e restiuire un’immagine autentica!

Se hai paura di sbagliare, se vuoi imparare o delegare direttamente non esitare a contattarmi

L’importanza dello sviluppo delle immagini è spesso sottovalutato!

SI PARTE DALLO SCATTO, MA…

Se è vero che una fotografia per emozionare deve partire da dentro e che non servono chissà quali attrezzature o programmi di foto ritocco (lo racconto qui), è anche vero che sviluppare l’immagine è indispensabile.

Sottolineo che parlo di SVILUPPO e non fotoritocco, c’è una bella e grande differenza:

– lo sviluppo enfatizza e “tira fuori” quello che è GIÀ presente nel file
– il fotoritocco MODIFICA le cose!

Perché è necessario sviluppare l’immagine?

Perché, come detto più volte, per quanto sofisticato sia la macchina fotografica, resta sempre un sensore e NON vedrà mai come l’occhio umano.

Questo significa, soprattutto dove c’è molto contrasto tra ombre e luci che nell’immagine qualcosa si veda meno bene.

LO SVILUPPO TIRA FUORI DETTAGLI…

Sviluppando quindi correttamente l’immagini, si restituiranno dettagli e colori che l’occhio umano ha visto, ma la macchina non ha catturato, o meglio, che non mostra del tutto.

Per poterlo fare al meglio, l’ideale è scattare in RAW che, a differenza del jpeg, ti da un file grezzo, che puoi lavorare meglio (qui spiego meglio la differenza tra raw e jpeg)

… MA NON SOLO!

Ma l’importanza dello sviluppo delle immagini non si ferma al fatto di riuscire a lavorare i file per recuperare quello che c’è, ma che magari è un po’ nascosto…

No, serve anche ad aiutarti a enfatizzare il messaggio finale che devi dare al tuo cliente finale!

Come dicevo in questo articolo, c’è interno ed interno, chi cerca un capannone ha esigenze diverse di chi sta cercando una stanza in un albergo…

Gli scatti quindi saranno differenti perché si concentreranno su particolari diversi.

Lo stesso vale per lo sviluppo dell’immagine, a seconda dello scatto, a seconda del pubblico finale saprà mettere in evidenza proprio quello che un potenziale cliente sta cercando!

Ti faccio un esempio concreto:

Quando fotografo una camera di un hotel o B&B lo sviluppo resta molto morbido e delicato, e cerco di evidenziare quei piccoli dettagli che possono attirare come uno specchio antico!

 

 

Mentre quando fotografo un capannone lo sviluppo sarà un po’ più crudo, per enfatizzare la fatica e il duro lavoro.

 

Ancora una volta parlo di sviluppo e non di post-produzione!
Chi andrà in questi posti fotografati vedrà esattamente ciò che è riprodotto nella fotografia!

È chiara L’importanza dello sviluppo delle immagini per un risultato wow?

Lo sviluppo serve a sprigionare il mood giusto che possa attirare quello specifico cliente!

Dal fatto che la fotografia d’interni NON è tutta uguale e dall’importanza di uno sviluppo corretto delle immagini a seconda di che interno si tratta, sono nati i miei servizi specifici per ogni tipo d’interno… scegli il tuo e contattami!