Articoli

Le fotografie d’interni non sono tutte uguali! in realtà c’è interno e interno!

Se è vero che si tratta dell’interno di un immobile, è anche vero che ha delle sfaccettature diverse a seconda del messaggio finale che deve dare!

Possiamo dividere gli interni in 4 diverse categorie:

– fotografia immobiliare

– fotografia d’interni e/o di architettura

– fotografia per strutture ricettive

– fotografia immobili industriali

Tutt’e quattro queste categorie immortalano degli interni, ma come detto prima, c’è interno e interno: una stanza di albergo non è paragonabile ad un capannone, concordi?

Sicuramente in tutti i casi le immagini serviranno a mostrare gli ambienti nel migliore dei modi per valorizzarne i pregi!

Gli strumenti usati per avere scattare le foto saranno gli stessi, ovvero l’utilizzo del cavalletto, della bolla e del grand’angolo (sempre avendo cura di non esagerare per non fare sembrare una piazza d’armi una stanza che in realtà è piccolina!).

Queste similitudini portano molto spesso a confondere queste 4 categorie racchiudendole in una generica “fotografia d’interni”.

Dov’è la differenza?

Come accennato prima, nel messaggio che dobbiamo dare con queste immagini. Il pubblico che le guarderà è diverso e CERCA qualcosa di diverso!

Vediamo insieme le differenze:

La fotografia immobiliare è usata da chi vuol vendere o affittare casa, quindi serve a rappresentare gli spazi e come si possono sfruttare.
Questo tipo di immagini devono, in pochi scatti, far comprendere a chi è alla ricerca di una casa, se è quella che stava cercando!
È naturale che non basteranno le immagini, ma come sempre le fotografie, se fatte in modo professionale sono quelle che attireranno l’osservatore e lo spingeranno a “volerne sapere di più”!
Pur dovendo essere una fotografia realistica (l’osservatore deve ritrovare ciò che ha visto nell’immagine) è auspicabile preparare l’ambiente rendendolo il più neutro possibile, per attirare un maggior numero di persone interessate e perché si possa in qualche modo “assaporare” il calore casalingo!
Le persone devono potersi immaginare a vivere in quella casa!
Questa preparazione, quando viene fatta non deve essere solo ai fini fotografici, ma deve rimanere anche per le visite!

La fotografia d’interi e/o di architettura è usata da architetti, geometri, interior designer, imprese di costruzioni per valorizzare i loro lavori.
Le immagini ricorderanno quelle delle riviste!
Le fotografie dovranno rappresentare e mostrare la bellezza e la singolarità di quella casa.
La composizione e la simmetria, sempre molto importante, qui gioca un ruolo FONDAMENTALE per poter dare enfasi!
In questo genere di fotografia i dettagli hanno un ruolo importante, quindi oltre alle classiche fotografie d’insieme ce ne saranno altre di dettaglio appunto per poter mostrare meglio determinati particolari, che possono essere mobili/oggetti o anche materiali.
Se per la fotografia immobiliare avere colori il più neutro possibile, nella fotografia d’interni, soprattutto quando c’è un lavoro di interior e quindi ci sono i mobili, enfatizzare i colori è una buona cosa!

La fotografia per strutture ricettive è usata da Hotel, B&B, case vacanze, ma anche ristoranti, bar… e serve a mostrare la bellezza, la pulizia e anche l’accoglienza di questi posti!
In questo caso si “vende” una vacanza o comunque un momento di pausa e relax… potremmo dire un’esperienza.
Quindi le fotografie devono riuscire a mostrare l’atmosfera che si respira andando in quei posti.
Anche qui l’attenzione al particolare è importante, ma non sarà solo dal punto di vista architettonico, ma anche sui servizi offerti agli ospiti.
A differenza della fotografia immobiliare gli ambienti NON vanno preparati, o meglio devono essere preparati come sempre… l’ospite deve avere un riscontro tra immagine e realtà!

La fotografia per immobili industriali viene usata da chi deve vendere o affittare capannoni, negozi o locali si avvicina alla fotografia immobiliare, perché deve anche questa deve rappresentare gli spazi di questi ambienti.
Differisce dal fatto che non deve creare un’emozione!
Chi la cerca è un imprenditore che cerca il posto giusto per poter mandare avanti il suo business!
Per i negozi potrebbe essere d’aiuto un po’ di preparazione dei locali, ma non lo è per i capannoni, che al contrario se sono un po’ “crudi” danno maggiormente l’idea del duro lavoro!
Anche in questo caso ci saranno dei dettagli importanti da catturare, ma certo non saranno dettagli emozionali, quanto dettagli che rendano ancora più appetibile l’immobile, come un impianto elettrico appena rifatto!

In tutti e 4 i casi bisogna fotografare la realtà e se si prepara gli ambienti bisogna che restino preparati anche durante le visite!

Anche lo sviluppo delle immagini cambia per ogni categoria!
Premesso che non si deve mai esagerare e bisogna essere sempre molto realistici nel caso della fotografia immobiliare e di strutture ricettive, bisognerà essere più “delicati”, mentre negli altri due casi si potrà anche contrastare un poco di più per enfatizzare determinati dettagli.

Come vedi c’è interno e interno! In questi 4 casi abbiamo un pubblico diverso, che cerca cose differenti e le immagini devono rispondere a queste 4 ricerche.

Per questo motivo diventa importante far immortalare i propri interni da un fotografo specializzato, affinché sappia fare lo scatto giusto a seconda dell’occasione!

Se hai interni da fotografare non esitare a contattarmi, lo stesso vale se vorresti imparare tu a fare questo genere di fotografia, sono disponibile ad insegnarti!

Qualche giorno fa parlavo con un conoscente e mi ha chiesto perché mi ostinassi a ripetere che se vuoi avere foto di interni devi per forza chiamarne uno specializzato… “Se chiamassi il ragazzo che mi ha fatto il servizio fotografico del matrimonio non sarebbe lo stesso? E’ fotografo no? sa quello che fa! Ha tutta l’attrezzatura professionale, perché dovrebbe essere diverso da te?”
Cominciamo a sfatare un mito, non è l’attrezzatura a rendere un fotografo professionale o meno!
mi spiego, se uno è un bravo fotografo saprà fare fotografie molto belle anche con il cellulare! Se invece uno non ha l’occhio farà fotografie mediocri anche se ha in mano macchine dal valore di migliaia di euro.
Non basta conoscere la macchina fotografica, sapere gestire le luci e gli iso, sapere usare il diaframma per la corretta profondità di campo… questo no, non basta, questo è più o meno alla portata di tutti con libri e tutorial…

Detto ciò una persona che fa il fotografo di professione (a prescindere dalla specializzazione) farà senza dubbio BELLE foto, non minimamente paragonabili a quelle che potrebbe fare chiunque con un click e via!
“Bene Virginie, ma non hai risposto alla mia domanda! Perché per produrre immagini dei miei lavori d’interni, delle case che costruisco devo per forza prendere un fotografo specializzato?”

Ora ti spiego perché:
Nella fotografia esistono molti “ambiti“… il ritratto, la foto naturalistica, la macro, il food, il notturno, la street photography, lo sport… e, naturalmente, la fotografia architettonica e d’interni!
In ognuna di queste tipologie di fotografie si apre un mondo e ogni fotografo, seguendo la sua indole, ci si addentra. Ne studia ogni dettaglio, fa sue alcuni accorgimenti, magari infrange (in maniera studiata) alcune regole e ne coglie ogni sfaccettatura. E’ davvero impossibile riuscire ad essere eccellente in tutti gli ambiti.

Ti faccio un esempio personale: qualche anno fa una mia cara amica, conoscendo la mia passione (ancora molto “generale”) per la fotografia, mi chiese di fare il servizio fotografico per il battesimo di sua figlia. Le risposi che non ero specializzata, che non era il caso. Ma lei insistette anche se io misi decisamente le mani avanti (non ero ancora specializzata, ma già sapevo che fotografare le persone non era il mio!).

L’ho fatto, avevo una certa ansia perché non avrei mai voluto rovinarle un giorno così importante! Alla fine tutto sommato le foto sono venute bene, lei era contenta, ma sono CERTA che un fotografo che si occupa di battesimi, matrimoni e comunioni-cresime avrebbe fatto molto meglio… un motivo su tutti, sa muoversi in chiesa!
Da allora mi sono sempre rifiutata di fotografare le persone, lo faccio a livello amatoriale, in famiglia, ma mai per lavoro. Ancora l’altro giorno non ho accettato l’incarico di fotografare lo staff di uno studio di una impresa di costruzioni, perché non sarei stata professionale.

Le foto sarebbero state buone? Può darsi! Ma sicuramente avrebbero mancato di quel quid che il fotografo ritrattista saprà cogliere!
Se ami la fotografia puoi fare delle prove e cimentarti un po’ su tutto, ma vedrai che ti sentirai più a tuo agio in certi ambiti e lì avrai i risultati migliori!

Ma torniamo a noi, perché quindi scegliere un fotografo specializzato in interni per valorizzare i lavori di ristrutturazione, costruzione o interior? Perché la casa è nel DNA di quel fotografo, perché i suoi occhi coglieranno particolari che la maggior parte di persone non noterà, perché più di tutti saprà gestire, ove necessario la combinazione, spesso “pericolosa” di luce naturale e artificiale.

Banalmente, per quanto riguarda gli arredi, saprà se una sedia sta meglio leggermente ruotata o meno, o se toglierla del tutto, perché nella composizione “disturba”; perché studiando tutto nei minimi dettagli non cadrà nell’errore di lasciare il mazzo di chiavi sul tavolo o un asciugamano poggiato ad una sedia (lo dico perché l’ho visto!!).
“Sì Virginie, ok, ho capito, ma se certi particolari, come dici tu, li nota solo lui, che senso ha?”
Hai ragione sai? Mi sono fatta anche io questa domanda! Se un fotografo “generalista” o specializzato in un altro campo farà COMUNQUE una bella foto, che senso ha?

L’IMPATTO, L’EMOZIONE, quel qualcosa di speciale che non ti spieghi ma sai che c’è! Hai presente questa sensazione? Ecco la differenza è lì! Ci sono cose che ti fanno stare bene, ma tu non te ne accorgi, finché non ti mancano; lo stesso capita con le fotografie fatte da fotografi specializzati e da quelli no!

Certi dettagli sono fondamentali e fanno la differenza tra una BELLA foto e una foto WOW.